E’ evidente come i prezzi dei rotoli termici sono sensibilmente aumentati nel corso degli ultimi mesi, e ciò è dovuto alla carenza sul mercato del componente chimico chiave utilizzato nella carta termica.

Tutta ha inizio con la chiusura di decine di migliaia di produttori cinesi, decisione presa dal governo cinese a causa di una rigorosa applicazione delle normative ambientali. I funzionari cinesi si sono stancati di tutto l’inquinamento causato dai produttori di basso valore e hanno deciso di adottare una linea dura. Si stima che oltre 80.000 fabbriche siano state chiuse, multate o colpite da reati penali a causa delle loro emissioni.

La chiusura di una società cinese, Connect Chemical, è ciò che ha gettato l’industria della carta termica in un colpo di coda. Si stima che Connect Chemical detenesse circa il 50% dell’intera produzione mondiale di una tintura chimica chiamata con il nome di leuco . Insieme alla C.C., molti altri produttori cinesi di colorante leuco sono stati chiusi in breve tempo tempo con il risultato che quasi l’80% della fornitura mondiale di colorante leuco sia stato interrotto.

Leuco è il componente chiave della carta termica diretta, ovvero la carta stampata e utilizzata per ricevute, etichette di spedizione, biglietti aerei e molto altro. Dopo l’annuncio dell chiusura di Connect Chemical, i prezzi del leuco sono saliti alle 5 volte il loro prezzo normale. A questo punto, si prevede che Connect Chemical riaprirà nell’estate 2018. Tuttavia si tratta di indiscrezioni e non è stato deciso nulla di concreto.

Quindi noi tutti, convertitori, concessionari e utenti finali, teniamo monitorata ciò che accade in Cina. Senza un approvvigionamento costante e sufficiente di colorante leuco, i prezzi della carta termica continueranno a salire. Ciò che è particolarmente problematico è il fatto che il futuro della produzione di colorante leuco presso Connect Chemicals rimane molto dubbio.

Molti esperti del settore, tra cui Gary Huang, direttore di Hancock International e co-presidente del AmCham Shanghai Supply Chain Committee, ritengono che la spinta anti-inquinamento di Pechino sia uno sforzo per spingere per sempre i produttori di basso valore / alto inquinamento dalla Cina al di fuori della stessa, spostandosi in paesi limitrofi come India e Cambogia.

Se davvero fosse così e quindi la Cina non sarà più un luogo dove verrà prodotto il colorante leuco, il mercato della carta termica potrebbe trovarsi in una penuria molto più lunga di quanto inizialmente previsto.

Per approfondire, citiamo l’articolo originale in inglese: CLICCA QUI